Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando sul pulsante Accetto o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più sui cookie o negare il consenso al loro utilizzo consulta la cookie privacy.

logotype
Da 40 anni al servizio dell'uomo
La cultura rende liberi!
Alla fine ciò che conta non sono gli anni della tua vita ma la vita che metti in quegli anni

Chi siamo

Dal 2011 l’ISAS è Agenzia accreditata presso il Consiglio dell’Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali al n. 19 per la formazione continua degli assistenti sociali

Formazione Professioni Sociali

Formazione dal latino forma, significa dare forma, agire, sugli oggetti e su di noi, per trasformare, far diventare altro, modificare, fare apparire di- versi. La formazione è dunque un’esperienza dell’azione e del pensiero, con la formazione si apprende, con la formazione si cambia, si apprende dagli altri e da sé, si cambia diventando adulti, conoscendosi sempre di più. La formazione è dunque un progetto esistenziale, che non può essere separato dal percorso che ognuno deve intraprendere nella vita adulta, si può anche dire che la formazione caratterizza questo percorso perché innesca una presa di coscienza sul proprio divenire e sul proprio agire.

Nell’uso comune, il termine formazione è quasi sempre aggettivato (formazione professionale, formazione manageriale, formazione iniziale o di base, formazione permanente, formazione continua): il significato del termine cambia poiché l’aggettivo esprime differenze di contenuti e/o di finalità, di contesti, di soggetti implicati.

È opportuno soffermarsi sulla distinzione tra formazione di base e formazione permanente. La prima si colloca nella fase di maturazione e di sviluppo dell’individuo ed è finalizzata a fornire quanti più strumenti conoscitivi e tecnici possibili per permettere di svolgere un’attività lavorativa, per questo spesso viene associata alla formazione professionale - professionalizzante che ha assunto negli ultimi anni, anche a seguito della riforma universitaria, il significato di orientamento al lavoro e/o di esercizio della professione.

Con una formazione di base così concepita è inevitabile la necessità della formazione permanente. Infatti i cambiamenti sempre più rapidi nell’ambito delle conoscenze e delle tecnologie, l’evoluzione repentina di scenari sociali e/o politici che determinano nuovi problemi, i mutamenti organizzativi, richiedono continuamente nuove conoscenze, nuove abilità, oltre alla capacità di mantenere, aggiornare, qualificare le capacità acquisite ed esercitate. Questo è il compito attribuito alla formazione permanente, in rapporto di collegamento e di complementarietà con la formazione di base. La formazione al servizio sociale, intesa come formazione di base, presenta alcune peculiarità che sono funzionali all’esercizio di una professione complessa quale è quella dell’assistente sociale. Con le più recenti leggi di riforma universitaria si è concluso il lungo iter per l’inserimento della formazione di servizio sociale in ambito universitario come formazione a più livelli, con la presenza formale di contenuti teorici e di prassi formative caratterizzanti.